Kalidou, abbiam paura

Dicembre 28, 2018 2 di testenelpallone
Un giorno tutto questo finirà, ne sono sicuro. Ma fino ad allora, chi ha più cervello, aiuti le persone che non ne hanno, per un futuro migliore e più unito.

Foto: Tuttosport

Kalidou, abbiam paura

Non di te, ma dell’ignoto

Nella testa ci riporta alla mente quella misteriosa creatura

che di notte ci appariva come in foto.

Forse per la tua pelle scura

Forse per la nostra ignoranza

Noi da te prendiamo la distanza

E’ nella nostra natura.

Il diverso ci spiazza

Noi lo temiamo

Migliori ci sentiamo

Il diverso ci ammazza.

Tutte queste campagne di rispetto del diverso

paiono ai miei occhi come una sconfitta in partenza

questo movimento ignorante e controverso

possiamo combatterlo solo con l’indifferenza.

E allora Kalidou, hai fatto tanta strada

Quei fischi e quegli ululati, lascia pure che accada

Non considerarli da te e da altri è la prima vittoria

Un piccolo gesto per cambiare la storia.

La parola ‘diverso’ per gli uomini deve scomparire

Gli ignoranti sono criminali

Presto o tardi, il mondo si accorgerà che siamo TUTTI UGUALI

E solo allora, il razzismo dovrà perire.

scritto da Simone Biglieri – testenelpallone.com